Piano Strategico Intercomunale

Il Piano Strategico Intercomunale è realizzato dall’Unione Comuni d’Ogliastra, che ne ha curato la promozione e la supervisione dei lavori, realizzati dal Raggruppamento Temporaneo di Imprese costituito da Poliedra progetti integrati s.p.a e da Kairòs s.r.l., affidatario del servizio di assistenza tecnica finalizzato alla predisposizione del piano, ai sensi dell’art.55 del D. Lgs 163/2006 (CIG: 6406322826 - CUP: D61E15000340002).

Il documento è il risultato di un intenso lavoro di indagine, animazione territoriale e pianificazione strategica e suggella l’impegno dei sei Comuni di Arzana, Bari Sardo, Elini, Ilbono, Lanusei e Loceri a unire le forze per lavorare insieme nei prossimi anni.

Il Piano “ÀNDALAS, per-correre il futuro - Bellezza e identità per lo sviluppo dell’Ogliastra” è organizzato in tre Assi di intervento:

  • Asse 1 “Unione Comuni d’Ogliastra attore di sviluppo - governance, ambiente e sistema dei servizi”,
  • Asse 2 “Identità d'Ogliastra - coscienza dei luoghi e cultura”,
  • Asse 3 “Unione per lo sviluppo - vocazioni turistica e agroalimentare”. All’interno di ciascun Asse sono previste più Misure e per ognuna di esse sono definite azioni concrete.

Sotto la guida dell’Unione Comuni d’Ogliastra, quale concreto attore di sviluppo locale, gli obiettivi da perseguire sono:

  • consolidare l’identità dei luoghi, valorizzandone il patrimonio naturalistico, ambientale, culturale e storico, ma anche l’autenticità e la qualità della vita;
  • incentivare la competitività, facendo leva sulle vocazioni turistica e agroalimentare dell’area.

Le azioni delineate verranno realizzate nel corso dei prossimi anni. Sono previste, fra le altre:

  • l’organizzazione delle strutture di governance dell’Unione (la Cabina di regia e l’Ufficio di Piano strategico, che ne sarà il braccio operativo per la pianificazione);
  • la mappatura dei centri storici per favorire la rigenerazione urbana;
  • lo sviluppo della mobilità a vantaggio di cittadini e turisti;
  • il rinforzo del sistema turistico ogliastrino e l’integrazione dell’offerta di mare e montagna;
  • lo sviluppo e la valorizzazione della filiera agroalimentare, a partire dalla definizione di un “Marchio d’area” rappresentativo del territorio.

Per capire come si è arrivati alla definizione del Piano, vai al processo di sviluppo.